Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

martedì 5 luglio 2016

Esposta nell'Abbazia di Ferrania, in anteprima assoluta, la Reliquia del Beato Paolo VI, custodita dal V.E.O.S.P.S.S.

Si tratta di uno degli anelli conciliari in oro indossato dal Beato Giovanni Battista Montini (Paolo VI).

In occasione dei festeggiamenti dei Santi Pietro e Paolo di mercoledì 29 giugno, il V.E.O.S.P.S.S. - Pauperes Commilitones Christi Templique Salomonis ha esposto nell'Abbazia di Ferrania, per la prima volta, la reliquia del Beato Paolo VI.
Si tratta di uno degli anelli, in oro 18 Kt, indossato da Papa Montini e donato ai Padri conciliari (i Vescovi invitati dal Papa al Concilio) il 6 dicembre 1965 in occasione della chiusura del Concilio Ecumenico Vaticano II.
La giornata è iniziata con la Santa Messa, cui è seguita la processione, durante la quale il Gran Priore del V.E.O.S.P.S.S., Fra Riccardo Bonsi, seguito da una nutrita delegazione dell'Ordine, ha portato la reliquia al fianco dell'Abate generale.
Al termine della processione, la reliquia, dopo essere stata benedetta dall'Abate generale, Fra don Massimo Iglina, è stata esposta alla venerazione dei fedeli, giunti numerosi per l'evento.
La reliquia, simboleggiante lo stretto legame esistente tra Papa Paolo VI e i Padri conciliari, presenta, nella parte anteriore, tre nicchie sormontate da una croce; al centro si trova Gesù Cristo, a sinistra San Pietro e a destra San Paolo.
All'interno dell'anello si trova lo stemma pontificale di Papa Montini.
Lo stesso Paolo VI abbandonò l'anello piscatorio per portare, sino al termine del suo pontificato, l'anello conciliare.
La preziosa reliquia è custodita dal V.E.O.S.P.S.S. - Pauperes Commilitones Christi Templique Salomonis ed è posta sotto la sorveglianza dell'Abate Generale dell'Ordine, Fra don Massimo Iglina, Parroco di Rocchetta Cairo e Ferrania, e di don Pasquale Traetta, Parroco di Airole, Olivetta San Michele e Trucco.
Dopo l'esposizione nell'Abbazia di Ferrania, la reliquia inizierà un lungo viaggio per l'Italia e altri Stati nel mondo.

La Redazione