Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

giovedì 8 novembre 2012

BARACK OBAMA E' IL 45° PRESIDENTE DEGLI USA: E ORA AVANTI TUTTA!

"Il meglio deve ancora venire", dice il Presidente durante il discorso della sua rielezione

Riportiamo l'articolo inviatoci dal Segretario Generale del V.E.O.S.P.S.S., Fra Riccardo Bonsi sulla rielezione del Presidente Barack Obama.

Barack Obama è stato riconfermato Presidente degli Stati Uniti d'America.
La lunga notte del 6 novembre 2012 ha confermato che gli statunitensi credono in valori importanti e fondamentali e sono pronti ad anteporre questi valori alla loro leadership mondiale.

La lotta tra Barack Obama e Mitt Romney è stata sicuramente dura e combattuta, ma, sicuramente, leale, senza i veleni della lotta all’italiana, fra intercettazioni, processi e campagne mediatiche. 
Ha prevalso il dibattito vero, sui contenuti: la scuola, la formazione, l’istruzione, la politica energetica, industriale, fiscale ed estera. 
Fatti e non scandali o liti da portineria, con lo sguardo rivolto al futuro e non al passato e con il continuo richiamo ai valori, come abbiamo potuto vedere anche nel discorso della vittoria di Obama, un inno alla famiglia, la sua e quella americana.
A Michelle, la first lady: “Michelle, non ti ho mai amata di più. Non sono mai stato più fiero di guardare il resto dell'America innamorarsi di te, come first lady di questa nazione”. 
Al Paese “di cui sono fiero di essere il Presidente”, basato su una visione “compassionevole” ma anche di “dovere e patriottismo”. 
E ancora: “Non siamo cinici come credono i nostri esperti. Siamo più grandi della somma delle nostre ambizioni individuali, e rimaniamo più di una manciata di stati blu e rossi. Siamo e saremo per sempre gli Stati Uniti d'America. God bless America”.
L'elezione di Obama rappresenta anche una grande notizia per quanti hanno a cuore il futuro dell'umanità e dell'ambiente e non il profitto dell'1% dei più ricchi nel mondo.
Obama si è sempre battuto per un mondo ecosostenibile, per un futuro migliore per i nostri figli, per la tutela del genere umano, per la salvaguardia del pianeta.
E anche in questo caso lo ha fatto con concretezza e non con sproloqui politici.
Desidero ricordare una citazione tratta da un discorso tenuto il 19 marzo 2009 dal Presidente Obama:
"Abbiamo una scelta da fare. 
Possiamo rimanere uno dei principali importatori di petrolio, oppure possiamo fare gli investimenti che ci permetteranno di diventare leader tra gli esportatori di energia rinnovabile.
Possiamo permettere al cambiamento climatico di proseguire indisturbato, o possiamo cercare di fermarlo.
Possiamo lasciare crescere all'estero il lavoro di domani, o possiamo creare questo lavoro in America e stabilire la fondazione di una prosperità duratura".
La vera contesa tra Obama e Romney si è giocata esattamente su questo fronte: da una parte le energie rinnovabili e l'attenzione al clima del pianeta, dall'altra le trivelle per il petrolio.
Il V.E.O.S.P.S.S. da sempre appoggia la piattaforma energetica proposta dal Presidente Obama ed ha infatti costituito, con una serie di partner di rilevanza internazionale, la "K Energy Platform", ossia una una vera e propria piattaforma nella quale agiscono un’equipe di professionisti, aziende specializzate, enti istituzionali e tutto il loro know-how, per trovare soluzioni alle problematiche ambientali che ci coinvolgono anche in prima persona.
"K Energy Platform" è anche la piattaforma tecnologica all’interno della quale trovano adeguato supporto i ricercatori di tutto il mondo che desiderano contribuire a creare una tecnologia etica a “misura d’uomo”, nell’assoluto rispetto e preservazione del pianeta.
Tornando al Presidente Obama, è presto per dire se questo giorno segnerà lo spartiacque per un futuro migliore, ma le premesse per un nuovo mondo ci sono tutte. 

Thank you, Mr. President!

Fra Riccardo Bonsi