Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

martedì 10 maggio 2011

Cerimonia di Consacrazione del V.E.O.S.P.S.S. del 7 Maggio a Rocchetta Cairo: il comunicato ufficiale del Vice Gran Priore Fra Sandro Vinciguerra


Riportiamo il comunicato ufficiale del V.E.O.S.P.S.S. inviatoci dal Vice Gran Priore Fra Sandro Vinciguerra inerente la Cerimonia di Consacrazione di Cavalieri e Dame, avvenuta nella Chiesa di S. Andrea Apostolo a Rocchetta Cairo (SV) il 7 Maggio u.s.

________________________________________________

Cari lettori, cari Fratres e Sorores,
la Cerimonia di Consacrazione e di Investitura di un Postulante, tre nuovi Cavalieri, dieci Dame e una Riconsacrazione, mi ha coinvolto profondamente; da anni non sentivo più queste emozioni; a questo punto posso affermare che l'Ordine ha completato la propria rigenerazione, dopo i noti, spiacevoli eventi, ed è più forte ed attivo che mai.
L'atmosfera che si respirava in chiesa (come ci ha fatto notare il Segretario Generale Fra Riccardo) era di vera Fratellanza in Cristo, gli occhi dei neoconsacrati erano umidi, la gioia si accompagnava alla commozione, sulle note antiche del Veni Creator Spiritus. Quei corpi, stesi a terra nell'atteggiamento del “Totus Tuus”, fanno rinascere la speranza: l'umanità non è totalmente persa ed il male non prevarrà.
Un ringraziamento particolare al nostro Cappellano Generale,  Fra Don Massimo Iglina, che officiando in modo superbo, con la sua voce decisa e stentorea, ha fatto capire che le vie della salvezza hanno molti aspetti e che quella del VEOSPSS è una delle piu antiche, ma anche piu impegnativa: da Dame e Cavalieri ci si aspetta di sempre di più, ma noi non ci tireremo indietro!
Concludo, con le parole che ci consegnò Fra Marcelo Barros de Souza, Abate Benedettino in Brasile ed esperto a livello mondiale di Teologia: ”Non lasciate cadere la Speranza, non lasciate cadere la Profezia”.
Che Iddio benedica e protegga tutti voi.
                                                                       Fra Sandro Vinciguerra

La Redazione